Resoconto dell’escursione nella zona umida del Parco della Maremma

con Nessun commento

Domenica 5 febbraio, il Parco della Maremma ha organizzato un’escursione lungo l’itinerario A7 per Bocca d’Ombrone, l’iniziativa rientrava tra quelle promosse da Ramsar in occasione della Giornata Mondiale delle zone umide (2 febbraio).

Infatti, il 2 febbraio del 1971 fu stipulata la Convenzione delle aree umide Ramsar, proprio per salvaguardare questi luoghi che hanno un effetto ammortizzatore sulle catastrofi naturali: ad esempio fungono da spugne assorbendo le precipitazioni in eccesso, riducendo il rischio di allagamento, e rilasciando le acque immagazzinate durante le stagioni secche.

Durante l’escursione, a cui hanno preso parte più di 40 persone, è stato possibile ammirare ed apprezzare la flora e la fauna tipiche di quest’area umida. Grazie agli esperti si sono avvistati diversi esemplari dell’avifauna come fenicotteri, il falco pescatore, una cinquantina di Pivieri dorati e la volpoca, solo per citarne alcuni.

Ecco alcuni video girati durante la giornata di ieri, in cui gli esperti Flavio Monti, Giuseppe Anselmi e Lorenzo Chelazzi, insieme alla Presidente del Parco, Lucia Venturi, spiegano perché è fondamentale la tutela della zona umida di Bocca d’Ombrone.