Nuovo aggiornamento dai due nidi di tartaruga Caretta caretta in Maremma

Nuovo aggiornamento dai due nidi di tartaruga Caretta caretta in Maremma

con Nessun commento

Martedì 24 settembre gli esperti di OTB hanno effettuato le operazioni di scavo ed apertura del nido presso Le Marze a Marina di Grosseto, dopo  4 notti in cui nessuna nuova tartaruga era nata dal nido per verificare  la presenza di eventuali esemplari ancora vivi all’interno e quindi procedere al prelievo del materiale biologico.

Complessivamente nel nido erano presenti 70 uova di cui 25 gusci, quelli da cui nei giorni precedenti erano uscite le 25 tartarughine. Le altre 45 uova si presentavano integre o un po’ ammaccate e saranno oggetto di analisi da parte dell’istituto zooprofilattico sperimentale di Pisa (IZLST)per determinare se vi sia stato sviluppo embrionale. Subito dopo, a notte ormai inoltrata, alcuni volontari, gli esperti di Arpat, IZSLT, Università di Siena, Università di Pisa Museo di Calci, Tartamare, Acquario di Livorno, Parco della Maremma, che operano per conto della rete toscana dell’OTB, si sono spostati al nido di Riva del Sole  (Castiglione della Pescaia ) dove, come per il precedente, non si erano registrate più nuove nascite da 3 giorni e 3 notti.

Qui la sorpresa è stata grande perchè  6 tartarughine hanno iniziato a uscire spontaneamente dal nido ed hanno raggiunto il mare. E’ probabile che la perturbazione degli ultimi giorni, e l’abbassamento termico, abbia causato un rallentamento ed un blocco delle emersioni di tartarughine per alcuni giorni.

Continua quindi l’attenzione verso questo nido augurandoci di vedere uscire qualche altro esemplare. I volontari che volessero partecipare alla sorveglianza del nido possono scrivere all’Associazione tartamare info@tartamare. org