Avvistate Spatole al Parco della Maremma!

Avvistate Spatole al Parco della Maremma!

con Nessun commento

Ancora una volta le aree protette della Maremma si confermano di fondamentale importanza nell’ospitare specie di uccelli migratori provenienti da vari paesi o addirittura da altri continenti.

L’asse migratorio nord- sud è da sempre guidato dalle stagioni; la zona biogeografica in cui inserita l’Italia, è il cosiddetto “Paleartico occidentale”, vede protagonista la nostra Maremma che con i suoi ambienti naturali da ospitalità ai numerosi contingenti alati rappresentati da molte specie di uccelli anche molto rare.

La curiosità di questo periodo è rappresentata dalla sosta per diversi giorni al Parco della Maremma di un gruppo di Spatole (Platalea leucorodia) e di Avocette (Recurvirostra avosetta) che lungo il fiume Ombrone erano impegnate a filtrare con il particolarissimo becco le basse rive cercando piccoli organismi acquatici di cui si nutrono, come se fossero a un ristorante!

Due di questi uccelli particolarmente confidenti hanno consentito di leggere e fotografare gli anelli che gli studiosi di tutto il mondo mettono alla zampa degli uccelli per tracciarne i viaggi migratori. Ecco allora che possiamo fotografare la Spatola con anello J916 sempre vicino a quella con anello IHHS e inviare le immagini all’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale).

Pochi giorni dopo arrivano via mail le “Carte di identità” delle nostre amiche: La prima (J916) nata in Ungheria nel 2014 in località Hortobagyi halastavak è una fedelissima maremmana avvistata già due volte alla Diaccia-Botrona nel 2016, la seconda (IHHS) nata in Italia a Bassa della Vigna-Ravenna nel 2011 ha all’attivo altre sei segnalazioni tra la laguna di Orbetello il Parco e la Diaccia-Botrona.

Chissà se nel proseguire il viaggio migratorio queste due bestiole non facciano insieme un nido abbattendo ogni confine!