Avviso pubblico per il conferimento di un incarico professionale ad un veterinario per la gestione tecnico/scientifica del Centro di Recupero delle Tartarughe marine e dell’Acquario di Talamone

con Nessun commento

Si tratta di un incarico professionale di natura autonoma di cui agli artt. 2222 e seguenti del Codice Civile nei quali l’opera o il servizio vengono compiuti prevalentemente con il lavoro personale del contraente.

L’incarico consiste in una prestazione specialistica ad alto contenuto di professionalità conferita ad esperti di comprovata competenza e specializzazione in materie inerenti la gestione della struttura ubicata a Talamone nella quale risultano localizzati il centro di recupero delle tartarughe marine e l’acquario.

Il compenso annuale è determinato in complessivi euro 9.474,00 IVA e tutti gli altri oneri inclusi per un importo complessivo di € 28.422,00; il contratto partirà dalla data di sottoscrizione e terminerà il 31.12.2019.

I professionisti interessati, in possesso dei requisiti necessari, dovranno far pervenire per posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo:

parcomaremma@postacert.toscana.it

la propria domanda firmata e scansionata o firmata digitalmente, predisposta sull’allegato A) “Modello di Domanda e Autodichiarazione” con Curriculum vitae e documento d’identità, entro e non oltre le ore 13,30 del giorno 28/02/2017. Nell’oggetto della PEC dovrà essere riportata la dicitura “Selezione pubblica per il conferimento di un incarico professionale di un veterinario”.

La domanda di partecipazione dovrà essere formulata compilando in carta libera l’Allegato A comprendente le dichiarazioni richieste, rese ai sensi del DPR n. 445/2000, corredato altresì dal curriculum professionale, debitamente
firmato e datato.

 
Motivi di esclusione – Saranno escluse le domande:
· pervenute dopo la scadenza dei termini
· la mancanza del curriculum
· documentazione recante informazioni non veritiere.

 

Testo dell’ Avviso di Selezione

 

L’Avviso è inoltre integralmente pubblicato e scaricabile sull’Albo dell’Ente Parco al n. 273 in data 16.02.2017